Logo Forces Italiana

La Scorrettezza Politica dell'Onestà Intellettuale

INTERNATIONAL LIBERTY NEWS NETWORK

Diventa membro o dona ciò che puoi.

Forces Donations

FORCES ITALIANA è supportata dai contributi dei lettori

News |  Articolisti |  Locali |  Libreria |  Gateway Int. |  Multimedia Int. |  Libreria Int. |  Portale Scientifico Int. |  Vieni a trovarci anche in Facebook Vecchio Portale

29 Novembre 2021      Elenco completo delle News in Archivio News invia questa pagina ad un amico

News



Pubblicità regresso



19 Febbraio 2009


Questo bellissimo e sarcastico video mette in evidenza l'inversione morale della nostra generazione meglio di ogni altra descrizione.


Al di la della risatina, c’è veramente da soffermarsi e pensare a che punti siamo arrivati con l’imbecillismo scatenato dei nostri tempi. Infatti, oseremmo dire che questo è oltre un video semplicemente sarcastico o comico, è un video filosofico. C’è solo una macchia: il fumatore mette via la sigaretta invece di fumarla in faccia agli idioti: un errore grave fatto da molti fumatori, che perpetua e rafforza la loro desocializzazione.

La perversione/inversione intellettuale e morale ritratta dal video la trovate nei parlamenti, nelle istituzioni sanitarie e letteralmente dappertutto. Gli effetti della perversione non sono solo i divieti di fumo (magari fossero solo quelli!), ma li vedete nell’economia, nella politica, nelle correzioni dei disastri economici causati dai tecnocrati e poi rattoppati dagli stessi tecnocrati con misure senza visione, che trasformeranno i disastri in cataclismi (basta guardare a ciò che sta succedendo in America), e così via. Le cifre, la realtà e i fatti scientifici non sono più una misura presa scrupolosamente per soppesare una situazione, ma sono diventati un attrezzo di propaganda ideologica che non ha alcun corrispettivo nella realtà. Il solito esempio dei "morti da fumo" viene alla mente: degli 80.000 in Italia non se ne può dimostrare scientificamente nemmeno uno, ma il "numerone" vuole proiettare il concetto di "tanti-tanti", per sostenere l'ideologia che "il fumo uccide".

Tutto ciò porta alla “fame” per un’ideologia nuova che è poi, alla fine dei conti, un ritorno al buon senso, allo stato piccolo, alla reiezione del fanatismo e alla riafferazione della sovranità personale. Quasi tutti sappiamo che le cose non vanno bene, siamo tutti scontenti e ci lamentiamo. Ma spesso non sappiamo perché, esattamente. E quando ci viene detto che è tempo di distruggere un sistema letteralmente e assolutamente marcio su ogni fronte con la forza che è e sarà necessaria invece che con lamenti, mugugni e petizioni, mettiamo la testa sotto la sabbia e ce la facciamo nelle mutande, per paura della "autorità".
 
Ma ignorare un disastro e mantenere delinquenti al potere in tutto il mondo non farà che trasformare il disastro in unimmane catastrofe.





Link all'Articolo Originale »»



Printer FriendlyStampa questo articolo