Ritorno alla pagina principale di FORCES Italiana
Home

La scorrettezza politica dell'onestà intellettuale

Organizzazione internazionale - Codice Fiscale 95063070106

  >>>>  Invia questa pagina a un amico

The Evidence

L'archivio scientifico che scardina 50 anni di superstizioni sul fumo



Ritorno alla pagina principale di FORCES Italiana
Home

Le rubriche

LE VIE DEL REGIME SONO INFINITE

Informazioni su FORCES

Maledetti ciccioni parassiti sociali
Poveri caffeinomani ora vi curiamo
Porci bevitori siete i prossimi
Incensatori e profumatori assassini, ecco il vostro turno
La frode del fumo passivo
Uccidiamoli per il loro bene
Scienza rottame
Scienza scorrettissima
Abusi contro i fumatori
La posta di FORCES
Umorismo
Il muro del silenzio
Vietato parlarne: vittorie del tabacco
Quanti sono 'sti morti??
Lo sapevate che...?
Eventi quà e là
IPSE DIXIT: citazioni
Porno Health Canada
Coppa scienza rottame

I servizi speciali

La guerra della nicotina
Di Wanda Hamilton
Multinazionali farmaceutiche: Governi in tasca, salutismo in vendita
La truffa del fumo passivo - Corso rapido per principianti
 

2 Marzo 2004 - Maledetta pioggia, stramaledetto intestino pigro, ci sono cascata un’altra volta ed eccomi seduta sul trono con il settimanale “Oggi” fra le mani e dove va a cadere il mio occhio miope!!!! Su fumo e “Grande Fratello”. Titolone a tutta pagina “Per ora fumata nera: ragazzi andate a nascondervi”. A cosa si riferisce il titolone? Indovina indovinello chi fa l’uovo nel cestello? E’ ovvio!!! Ci si riferisce all’usanza degli esibizionisti del real show il Grande Fratello che oltre che a scopare, litigare e  aggredirsi davanti alle telecamere osano pure fumare! Oramai sono in ballo, continuo a leggere: “Dopo una valanga di lettere di protesta arrivate in redazione, noi di Oggi abbiamo deciso di lanciare una campagna per far smettere i ragazzi di Barbara d’Urso di fumare in video”.

Non c’è dubbio gli psicotici (scopofili) che seguono il G.F. sono infastiditi nel vedere altri psicotici (gli esibizionisti) con la sigaretta in mano, il motivo è più che ovvio: non si possono commettere atti sessuali con la sigaretta in mano e questo crea un allentamento del godimento da parte di chi spia la scena. L’articolo continua con gli esperti (i santoni in camice bianco) che sgranano il rosario delle malattie "collegate" al fumo. Campeggia a tutta pagina una foto che ritrae un santone che aiutato da un gruppo di ragazzetti  insignificanti (quegli allievi che quando posso sono ben felice di bocciare), reggono uno striscione con sopra scritto “da oggi il grande fratello non fuma più”. Posso immaginare la gioia di quei ragazzetti  insignificanti per la possibilità che da’ loro questa insulsa rivista di vivere una settimana da protagonisti, immagino la soddisfazione delle loro stupide madri di potere  girare con l’articolo in mano  per i mercati rionali e potere dire “guardate mio figlio/a è nel giornale”, ma l’espressione più soddisfatta è quella  del santone che ha trovato un modo gratuito per farsi un pochetto di pubblicità, probabilmente gli mancano i clienti.

Gli specialisti si sprecano, ecco la voce dello psichiatra  (capace di fare smettere di  fumare con l’ipnosi) che sentenzia “l’effetto di emulazione esiste”, esiste è vero come esistono i malati di mente e come esiste il ministro  Sirchia che ammette candidamente di avere fumato per alcuni anni emulando Humphrey Bogart, peccato che in comune con il suo emulo non abbia avuto altro che la sigaretta, sempre che fosse della stessa marca.

Probabilmente lo psichiatra non ha mai sentito parlare della “opposizione adolescenziale”,  tappa obbligatoria della crescita umana, in questa fase l’adolescente si oppone innanzi tutto alla famiglia poi alle imposizioni della autorità, se avesse un briciolo di onestà ammetterebbe che tutta la pubblicità contro il fumo ad altro non serve che a mantenere alta l’attenzione degli adolescenti verso il fenomeno.

La galleria delle assurdità si chiude in rosa con il commento di una psicoterapeuta (specializzata in tecniche per smettere di fumare) che di fronte a due degli esibizionisti di G.F., che oltretutto recitano la parte di un padre e di una figlia, un padre amorevole che vuole condividere tutto con la figlia fino a chiederle quali posizioni preferisce durante l’atto sessuale ed oltretutto condivide con la figlia l’abitudine alla sigaretta, commenta “Al di la del buon rapporto che ci può essere tra padri e figli, vederli fumare insieme è un pessimo esempio”. Un po’ di onestà dottoressa, se è vero che la sua professione è quella della psicoterapeuta dovrebbe sapere benissimo che la confusione fra il ruolo di genitore e  quello di amico provoca gravissime fratture nella personalità dei figli, il genitore è e deve continuare ad essere tale, è il genitore che  esercitando e dosando  la sua autorità permette al ragazzo di diventare uomo. La dottoressa non può non conoscere questo delicato meccanismo, ma per lei è ovviamente più comodo disconoscerlo, potrebbe perdere clienti.

Gli strumenti di informazione del regime sono subdoli e pervasivi, io ne sono l’esempio vivente, io che non possiedo un televisore, per la seconda volta sono qui ad esprimere commenti su uno squallido spettacoletto per telescemi, ciò significa che il regime ha trovato la strada per potermi colpire, prometto non mi perderò più in queste divagazioni demenziali. La prossima volta che avrò bisogno di stimolanti per l’evacuazione vedrò di recuperare una sigaretta (confesso, non sono dedita a questa abitudine); sono convinta che per quanto il tabacco possa nuocere gravemente alla salute  non potrà mai produrre i danni che un solo  articolo di giornale riesce a fare.

Zia Maria

 
Chi siamo
Il Comitato d'Onore
Domande frequenti (FAQ)
La piattaforma politica
Aiutaci a lottare
Sedi locali e siti affiliati

MOTORE DI RICERCA INTERNO

Abbonamenti e contatti

Contattaci
Diventa socio
Abbonamento FORCES/Enclave
Come sarà speso il tuo denaro
Clicca qui per ricevere
la newsletter gratuita
Materiali promozionali

Gli opinionisti

Alberto Mingardi
Carlo Stagnaro
Hugh High
Pierre Lemieux
Gian Turci
Il tabacchino - T. Rea
L'angolo di Zia Maria
Antonio Nicoletta

Le librerie

La libreria Italiana
La libreria internazionale

Archivi e altro

Archivio edizioni
Links
Rassegna stampa